Carrot cake

Carrot cake

Un po’ di tempo fa con i miei colleghi andammo a mangiare in locale in San Giuliano Terme che si chiama “Ti coltivo”,un posto dove utilizzano solo ingredienti biologici e per la maggior parte di loro produzione… assaggiammo una buonissima torta di carote, ci era piaciuta così tanto da volerla fare anch’io, così cercai su internet una ricetta per poterla replicare.

Tra le tante  ricette che ho visto su internet…c’è un mondo sulla torta di carote… quella di cui mi sono subito innamorata e che ho voluto testare, è quella trovata sul blog Dolce Alessandro. Si tratta della ricetta della torta carote e gianduia di Maurizio Santin, una ricetta che non ho trovato sui libri del Maestro perchè fu realizzata in occasione del Santin day, una masterclass del 17/12/2015 in cui  il Maestro Maurizio Santin spiega, realizza, davanti ad un pubblico di amatoriali una serie di ricette come la sua torta gianduia, il caffè viennese, il tiramisu destrutturato, l’Xmas (il famigerato tronchetto) e dulcis in fundo la torta di carote e gianduia. Una torta un pò diversa dalla solita torta di carote, in realtà è più un carrot cake, tipico dolce inglese/americano dove l’impasto è decisamente più godurioso, perchè la torta è fatta con farina di nocciole e mandorle…ma non può non mancare il tocco di Maurizio Black Santin con l’aggiunta all’interno dell’impasto di cioccolato gianduia al latte a pezzi e dopo aver versato l’impasto in uno stampo di cake viene cosparso di un delizioso crumble profumato all’arancia. Io realizzerò la versione base del carrot cake non aggiungendo il cioccolato ed il crumble, ma vi assicuro che a breve farò la versione originale al gianduia. Ovviamente il dolce realizzato è stato portato in ufficio, i miei colleghi sono gli assaggiatori ufficiali dei miei esperimenti culinari, ed è stato molto gradito…un dolce dal sapore molto particolare e delicato, la farina di nocciole, quella di mandorle e l’umidità delle carote lo rendono davvero soffice. La mia collega Barbarina aspetta con ansia la pubblicazione della ricetta ed io non vedo l’ora di accontentarla! Provatelo anche voi e poi fatemi sapere.

Ricetta per uno stampo da 22 cm di  diametro

Ingredienti

  • 250 g carote grattugiate
  • 120 g di uova intere
  • 100 g di zucchero semolato
  • 50 g farina 00
  • 10  g  lievito chimico
  • 60  g farina di nocciole
  • 75 g farina di mandorle
  • 30 g burro liquido
  • 1 g pizzico di sale

Procedimento

In planetaria montare le uova con lo zucchero semolato. Una volta raggiunta una montata bella spumosa unire la farina precedentemente setacciata con il lievito. Unire le polveri di frutta secca ed infine le carote grattugiate leggermente asciugate con un panno. Per ultimo unire il sale ed il burro sciolto. Versare in uno stampo da cake e cuocere in forno a 160° per 30/40 minuti sino a cottura.

Potete servire il dolce spolverandolo di zucchero a velo, essendo un dolce molto umido tende ad assorbirlo subito, per cui vi consiglio di spolverarlo prima di servirlo oppure di utilizzare uno zucchero a velo idrorepellente, in commercio trovate quello della decora o su internet di altre marche, oppure potete farlo in casa con l’aggiunta di burro di cacao.

Zucchero a velo idroreppelente (restistente all’umidità)

Ingredienti

  • 100 g di zucchero a velo
  • 1/5 di stecca di vaniglia
  • 12 g di burro di cacao
  • 1 cucchiaino di alcool puro (o Rum)

Procedimento

Versare nel mixer lo zucchero a velo, i semi della vaniglia, avviare a media velocità e aggiungere il burro di cacao fuso, unito all’alcool. Avviare alla massima velocità fino a quando si ottiene un composto omogeneo; passare quindi al setaccio per eliminare gli eventuali grumi. Poichè è uno zucchero che tende ad ossidarsi per la presenza di alcool se mantenuto eccessivamente in un lungo caldo e umido. Per questo motivo è bene prepararne una quantità non eccessivamente alta, consumarlo in breve tempo e conservarlo in un contenitore ermetico.

Print Friendly, PDF & Email
Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *